Gerardo Mansi ottiene il titolo di Maître Restaurateur

Gerardo Mansi, titolare e cuoco del ristorante italiano La Baie di Amalfi (9, rue Gustave Deloye-06000 Nice) ha conseguito il titolo di « Maître Restaurateur ». Tale onorificenza, istituita dal Ministero francese del Commercio e dell’Artigianato per decreto del 14 settembre 2007, certifica le competenze culinarie e la genuinità della cucina, interamente fatta in casa grazie all’utilizzo di prodotti freschi e di qualità.

La Baie d’Amalfi vanta già numerosi riconoscimenti, tra i quali la prestigiosa certificazione Ospitalità Italiana, conferitagli dalla Camera di Commercio Italiana di Nizza.
Promossa da Unioncamere , in collaborazione con la F.I.P.E.- Federazione Italiana degli Stabilimenti Pubblici- e l’IS.NA.R.T.- Istituto Nazionale delle Ricerche Turistiche- la certificazione « Ospitalità Italiana » valorizza e certifica i ristoranti ambasciatori del vero Made in Italy all’estero.

La cerimonia di conferimento del titolo di Maître Restaurateur avrà luogo lunedì 19 gennaio 2015 alle ore 17.00 e terminerà con un aperitivo a buffet.
L’evento  si realizzerà sotto il patrocinio di:
•    Il Comune di Nizza, rappresentato dal Deputato Sindaco e Presidente della Métropole Nice Côte d’Azur Christian ESTROSI
•    La CCI Nice Côte d’Azur, rappresentata dal suo Presidente M. Bernard KLEYNHOFF
•    L’associazione francese dei Maestri Ristoratori
•    Il Consolato Generale Italiano a Nizza, Serena LIPPI e il Direttore Generale della CCIE Nizza, Agostino PESCE.

En lire plus

Il valore generato dalle fiere internazionali

Le evoluzioni dell’economia mondiale hanno reso tutti gli operatori fieristici consapevoli del legame esistente tra le fiere e le strategie di espansione internazionale dell’economia. Per poter essere forti in Italia, infatti, è divenuto sempre più importante affacciarsi con vigore sui mercati internazionali, che fungono da volano per valorizzare le specificità della produzione nazionale: agro-alimentare, nautica, arredamento, turismo, tanto per citare qualche esempio. I benefici che discendono da questo percorso sono molteplici, a cominciare dalla possibilità di rintracciare interlocutori difficili da raggiungere altrimenti. 

I saloni internazionali, infatti, rappresentano valide vetrine per presentare e vendere i propri prodotti, in grado di far ottenere una visibilità che va ben oltre il territorio di appartenenza. Costituiscono un valido strumento per entrare in contatto con nuovi pubblici di riferimento, consolidare la propria credibilità sul mercato e cercare nuovi canali di promozione.

Proprio per queste ragioni, la presenza di un’azienda in fiera va attentamente preparata: per massimizzare il ritorno di investimento, infatti, occorre dare corpo a una vera e propria pianificazione strategica della propria offerta, che tenga conto non solo degli aspetti legati al proprio prodotto o servizio, ma anche di quegli “asset immateriali”, legati ai bisogni dei consumatori e che puntano al loro soddisfacimento. Quando si vende un prodotto, in altre parole, si vende anche la sua cultura, a maggior ragione in occasione di una fiera all’estero: in un sistema produttivo e industriale abbastanza frammentato, quale appunto quello italiano, i saloni internazionali rappresentano un’occasione importante per valorizzare il brand “made in Italy”.

Le sfide poste dalla globalizzazione richiedono uno sforzo anche agli enti organizzatori delle manifestazioni. Dalla semplice vendita di spazi espositivi si passa a formule sempre più strutturate, che integrano pacchetti di comunicazione a servizi collaterali tesi ad aumentare il valore del “prodotto fiera”: organizzazione di conferenze e workshop BtoB, animazioni, servizi fiscali e amministrativi di supporto all’attività espositiva, logistica integrata, etc. Una sfida che, nelle nostre manifestazioni, cerchiamo sempre di cogliere.

Nel 2015, in occasione della festa di San Valentino, ricorrerà la nona edizione di Pain, Amour et Chocolat, uno degli eventi di punta – insieme a L’Italie à Table - della nostra Camera di Commercio. Per tre giorni, dal 13 al 15 febbraio, la città di Antibes riunirà i migliori produttori italiani e francesi di prodotti da forno, pasticceria, cioccolato e artigianato artistico, che delizieranno i palati dei golosi di ogni età. Il tutto a beneficio della promozione del made in Italy, elemento essenziale per valorizzare le specificità produttive nazionali e delle PMI di ogni settore produttivo.

En lire plus